Star Citizen: tre giorni dell’Anniversary Special con Anvil Aerospace, Aegis Dynamics e non solo

La ricorrenza dei saldi di fine anno dedicati allo space sim Star Citizen sembra aver preso in questa attuale edizione una piega molto più ricca di sorprese, fino ad ora abbastanza apprezzate sia dalla nostra community di vecchi e nuovi fan, sia dallo stesso studio di sviluppo Cloud Imperium Games (che sta riempendo i propri forzieri, per proseguire in sicurezza con lo sviluppo di gioco).

In questi tre primi giorni di offerte dell’Anniversary Special, CIG ha mostrato ben due nuovi concept: la quasi inedita Anvil Aerospace Hawk, votata alla caccia alle taglie, e la Aegis Dynamics Hammerhead, che può essere definita brevemente come una nuovo modello di nave di scorta, o di attacco, con torrette direzionabili a 180°; queste sono le attuali informazioni in nostro possesso, in attesa dell’apposito e consueto articoli del Q&A.

Queste giornate sono inoltre state caratterizzate da particolari episodi della rubrica Around the Verse di Star Citizen, nella quale i dev hanno mostrato gli attuali sviluppi su alcune delle navi più attese per il fatidico “flight ready”, ovvero il momento in cui saranno pronte per essere direttamente utilizzate dai giocatori.

Andando per ordine e come potrete vedere più nel dettaglio nei video in evidenza nell’articolo, per quanto riguarda la manifattura Anvil, la Terrapin, sebbene abbia subìto un lieve restyling, è vicina alla fase conclusiva di sviluppo, per la precisione si trova nel “final art” e nel “final tech setup”.
La Carrack, ovvero “la prima nave in produzione dedicata all’esplorazione dello spazio profondo” (hanno dichiarato i dev) si trova invece a muovere i primi passi nella fase “grey box” e quindi nel “grey box modelling”, così come per quanto riguarda la Anvil Hurricane, che nonostante sia ugualmente in fase “grey box” è più avanti della Carrack e nello specifico nel “grey box surfacing”.

Passando ad Aegis Dynamics, la Reclaimer è a pari passo con la Anvil Terrapin, cioè nella così detta fase “final art” e nel “final tech setup”. La Javelin Destroyer sebbene si trovi sempre in “final art”, per via della complessità della sua componentistica, nonché stazza, GIC non ha specificato un punto esatto dell’attuale fase di sviluppo, ma piuttosto ha dichiarato che ne ricopre interamente tutti i sotto settori.

Infine il terzo giorno dell’Anniversary Special di Star Citizen, e dei propri altrettanto speciali AtV, ha riguardato i veicoli terrestri e le navi aliene: la Tumbril Cyclone si trova all’inizio del “final art”, alle prese con il “final modelling and surfacing tweak”; il “un bazar volante”, a.k.a. la Banu Merchantman, è attualmente sia in nella fase di revisione del design, in modo da poter raggiungere gli standard qualitativi e “tecnici” delle altre navi, sia in fase “white box” con la creazione degli interni.

Articolo condiviso con StarCitizen.it

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: